Archivio della categoria: Uncategorized

Figli e attori del proprio tempo.

E’ successo di nuovo, ma succederà sempre più spesso.
In questo articolo trovate la seguente notizia: gli studenti di un’università in Inghilterra sostituiscono una poesia di Kipling con una di una poetessa americana, in quanto il primo fu un razzista sostenitore dell’imperialismo inglese in India.
Stavolta è Kipling, qualche mese fa è stato Montanelli per l’acquisto di una moglie dodicenne in Abissinia negli anni Trenta (fatto narrato più volte in vita da lui stesso), persino Einstein per gli scritti di un viaggio in Cina. Domani forse sarà Pasolini, poi chissà altri.
La pratica, lo diciamo subito, è sbagliata. Viviamo un tempo fatto di una distorsione della visione storica, e sarebbe bene provare a mettere mano a questo problema, con forza. Infatti non si può giudicare con i canoni di oggi protagonisti e fatti del passato, immersi in abitudini e idee diverse dalle attuali. Non si può inchiodare Kipling ad un giudizio maturato con l’esperienza di cento anni a lui successivi, nel nome di principi sacrosanti ma recenti ed evoluti rispetto ai suoi coevi.
Il motivo si cela dietro una semplice logica di causa ed effetto.
Abram Lincoln, padre riconosciuto dell’abolizione della schiavitù in America, per i nostri canoni attuali sarebbe un razzista, al punto che già negli anni 60 i movimenti politici afroamericani puntavano il dito contro di lui considerandolo simbolo del suprematismo bianco: ma senza di lui e la sua battaglia politica non si sarebbe mai messo in moto il meccanismo che ha portato ai nostri canoni odierni di uguaglianza, in America come qui in Europa.

Rassicurante

Dei ladri simpaticoni irrompendo coperti da passamontagna e armati in una banca di Cervasca si sono sentiti in dovere di rassicurare i presenti dicendo “state tranquilli,non siamo l’Isis, è solo una rapina! “. Rassicurante, effettivamente è così che mi convinsero a votare Renzi.

Ad Alfano piace

Cresce il malcontento all’interno del Ncd, il partito di Alfano, dopo l’accelerazione del governo sulle Unioni Civili, che Renzi è intenzionato a far approvare anche col no degli alfaniani.
Un anonimo dirigente del partito si è sfogato “Renzi ci prende a calci”.
Alfano ha rincarato la dose “E la cosa ci piace”

Allacciate le felpe

“Matteo Salvini non ha niente da dire a parte quello che scrive sulle felpe” commentano molti analisti. “Il suo programma si ferma a quelle scritte” argomentano commentatori di livello e io sono sempre stato d’accordo.
Solo che se Renzi continua a parlare come ha fatto ieri alla presentazione di Alitalia, regalandoci autentiche perle come “Allacciate le cinture che si decolla davvero”
“Se ce la fa Alitalia ce la fa l’Italia, se ce la fa l’Italia ce la fa Alitalia”, temo che quelle felpe di Salvini faranno sempre meno schifo.

Son soddisfazioni

Una volta russi e americani si scannavano per la bomba atomica, per i missili a Cuba, per la conquista dello spazio, ora dopo lo scandalo legato alla Fifa e all’assegnazione dei mondiali si scontrano e si insultano per il calcio con interventi di presidenti, ministri e parlamentari vari. Il mondo cambia e stranamente si adegua all’Italia, son soddisfazioni….

Alibitalia

Saltano fuori alibi per il ragazzo marocchino arrestato col sospetto di essere un terrorista. Il giorno dell’attentato al mattino era a scuola coi compagni a Milano, il pomeriggio a Fiumicino a insultare gli addetti di Alitalia con Formigoni.